UN RAZZISTA CHIAMATO Luigi de Magistris- Non è un’offesa, ma un’opinione suffragata dai fatti.

UN RAZZISTA CHIAMATO Luigi de Magistris- Non è un’offesa, ma un’opinione suffragata dai fatti.

Abbiamo un #sindaco che per un titolo sui #giornali e per apparire sempre più bello alla demagogia di #sinistra è capace di azioni razziste. Nei confronti di chi? Semplice: dei cittadini #napoletani

Se sei d’accordo con me, alziamo insieme la #voce e facciamo sentire a Palazzo San Giacomo il nostro #disagio.

 

GUARDA IL VIDEO DEL MIO INTERVENTO 

IL PREMIER CONTE NEL SUO DISCORSO DIMENTICA IL SUD. PERCHE’?

IL PREMIER CONTE NEL SUO DISCORSO DIMENTICA IL SUD. PERCHE’?

Come mai il premier Conte, Foggiano, nei suoi interventi non parla mai del Sud?

Non parla del Meridione perchè noi non abbiamo poteri forti, non abbiamo peso giornalistico e mediatico, non abbiamo peso politico e neanche una degna rappresentanza politica. Se dimentica il Sud non passa “guai” (anzi) ma se dimentica il nord lo mandano a casa in un batter d’occhio.

Speriamo che l’alleanza Lega / 5 stelle sia solo governativa e non diventi politica perchè, in questa seconda ipotesi, Salvini potrebbe lasciare a Di Maio il Mezzogiorno,come è accaduto alle elezioni politiche,e per noi sarà la fine.

Difatti i leghisti sono tosti ed esperti e sapranno difendere la loro comunità mentre i grillini, inesperti , fumosi e divisi fra loro ideologicamente, non saranno in grado di difendere le ragioni del Popolo del Sud.e

E non ci facciamo illudere dal Ministero per il Sud, che come nel passato, speriamo non sia solo una passerella mediatica.

RIVELLINI: INCONTRO CON MARITTIMI E MELONI SUCCESSO STRAORDINARIO, FAREMO GIOCO DI SQUADRA: A BORDO SOLO ITALIANI

«L’incontro di oggi con i marittimi a Torre del Greco, è stato un grandissimo successo. Per noi, ma soprattutto per tutti gli italiani che vogliono al primo posto gli interessi dei nostri figli. Ho detto ai lavoratori del comparto che Rivellini e Fratelli d’Italia non hanno difeso le loro ragioni solo in campagna elettorale come Grillo (che tra l’altro pensa che solo il 30 per cento dei Marittimi italiani devono essere imbarcati per concedere gli sgravi agli armatori) ma sempre. Difatti sia in consiglio regionale che in Europa ho difeso le ragioni di questi grandi lavoratori bistrattati e sostituiti sulle navi dagli extracomunitari in numerosi interventi». È quanto dichiara Rivellini, candidato del centrodestra al Senato nel collegio uninominale di Castellammare-Torre del Greco. «Nel corso dell’incontro nella sede dell’associazione – continua l’ex parlamentare – ho aggiunto che non solo ci ho messo la faccia in passato ma che oggi ci metto anche la maglia azzurra che ha come motto “Prima i marittimi italiani”: la stessa che indosserò nel mio primo giorno al Senato, e la stessa che prestò consegnerò a Giorgia Meloni, oggi impossibilitata a venire a causa della neve, a sugellare il nostro impegno». «Come ho ricordato ai marittimi – conclude Rivellini – Fratelli d’Italia scende in campo, ma le partite si vincono tutti insieme. Ed è per questo che ho consegnato a ciascuno dei membri del direttivo dell’associazione (RAIOLA, ACCARDO VINCENZO, ESPOSITO, CAPPIELLO E ACCARDO VALENTINA) la stessa maglietta: bisogna fare gioco di squadra. E lo faremo, uniti, per vincere la partita più importante: cancellare la vergognosa legge 30 del centrosinistra che regala sgravi agli armatori che mettono stranieri sulle navi». «Sono tempi difficili – conclude Rivellini – ripartiamo dagli italiani. Servono forza e coraggio. La forza di combattere per le proprie idee, e il coraggio di non arrendersi mai. Il 4 marzo liberiamo l’Italia».